Cerca articoli, video, argomenti..

I numeri del Diabete e le raccomandazioni

In tutto il mondo, secondo un report del 2016 di WHO (World Health Organization),  sono affette da Diabete più di 400 milioni di persone, ovvero un numero pari a più della metà della popolazione europea. In alcuni paesi, secondo l’International Diabetes Federation, le malattie legate al Cuore provocano più del 50% delle morti correlate al Diabete. Ma c’è un’altra faccia della medaglia che riguarda il peso socio-economico delle malattie cardiovascolari nella gestione del Diabete di tipo 2. Ogni giorno, infatti, in Italia in relazione a malattie cardiache legate al diabete si registrano 60 morti e 7,4 milioni di euro di costi per il sistema sanitario nazionale. Stiamo parlando di circa 2,7 miliardi di euro annui tra ricoveri ospedalieri (4,8 milioni di euro) e farmaci (2,6 milioni di euro).

Sono dati importanti che fanno riflettere sulla necessità di creare occasioni di approfondimento su una realtà che gran parte ignorano – molti casi di Diabete non vengono diagnosticati – e di promuovere la consapevolezza di quanto sia fondamentale la prevenzione, andando a migliorare lo stile di vita e sottoponendosi ad esami clinici mirati.

Condurre uno stile di vita sano, facendo attività fisica e seguendo una dieta povera di grassi saturi, di zuccheri, cibi in scatola e precotti dovrebbero essere le regole base. La dieta mediterranea, ancora una volta, si dimostra la più salutare possibile, considerando che include anche l’olio extravergine d’oliva, che rappresenta – non solo un tesoro nazionale – ma anche un buon alleato contro i picchi di glicemia che possono verificarsi in seguito ai pasti e dunque può proteggere da complicanze cardiovascolari i pazienti affetti da Diabete. Ad affermarlo uno studio dei ricercatori della Società italiana di diabetologia (Sid) pubblicato su ‘Diabetes Care’.

Ulteriori raccomandazioni: smettere di fumare, tenere sotto controllo la pressione alta e il colesterolo e seguire in modo ferreo la terapia mirata concordata con il proprio specialista di riferimento.